Autore: maria dolores pesce

L’Eden nascosto in noi

L’Eden nascosto in noi

RUMOR(S)CENA – BOLOGNA – Suggerendoci con l’immediatezza della sensazione fisica, non mediata da fondamenta razionali o tanto meno storiche, un tempo prima del tempo e un luogo prima di ogni luogo intrappolato dentro di noi, Il Paradiso Perduto, questa drammaturgia in danza di Antonio Viganò, indaga senza aver predisposto, io credo, alcun oggetto di questo suo andare indagando. Uno spettacolo […]

Read more ›
La donna è mobile

La donna è mobile

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Parrebbe la solita attestazione di una subordinazione del femminile che, per la sua stessa natura aerea e imprevedibile, va tutelata innanzitutto da se stesso. Eppure nell’approccio drammaturgico del verdiano Rigoletto emergono man mano elementi anticipatori di una grande modernità. La donna ne è, quasi suo malgrado, protagonista. È la sua plurima relazionabilità (amante, figlia, moglie) che […]

Read more ›
UOMINI (E) ANIMALI

UOMINI (E) ANIMALI

RUMOR(S)CENA – PARMA – Talvolta abbiamo la percezione di vivere una epoca di migrazioni improvvise e incontrollate che ci spaventano, ma è solo una percezione, forse indotta da qualcuno e qualcosa, poiché la migrazione è da millenni un tratto costitutivo dell’umanità, di uomini e donne e anche di bambini, ma non solo, basta allargare lo sguardo, dell’umanità. La migrazione degli […]

Read more ›
La ragazza Carla

La ragazza Carla

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Non siamo più abituati a pensare ‘poesia’ (e la mancanza dell’articolo non è casuale), in quanto ormai ‘la’ poesia è diventata una funzione ovvero una categoria fondamentalmente e in fondo esclusivamente letteraria, quasi una lingua morta. Eppure, come fuggendo dalla foresta degli uomini libro della magnifica versione truffaudiana di Fahrenheit 451, qualcuno o qualcosa ci offre […]

Read more ›
Una  Terra Madre, custode e prigioniera

Una Terra Madre, custode e prigioniera

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Passati dieci mesi dall’ultimo Festival di Santarcangelo, ho rivisto Madre del Teatro delle Albe. Io credo che, anche se non è più così nell’oggi, rivedere anche più volte uno spettacolo teatrale dovrebbe essere, come un tempo, abituale per un critico o uno studioso. In effetti, da Gramsci a Gobetti, si riteneva giustamente che ogni replica fosse […]

Read more ›
Amore e morte ai giorni nostri

Amore e morte ai giorni nostri

RUMOR(S)CENA – GENOVA – La grande e quasi universalmente riconosciuta forza drammaturgica del teatro, così penso possa essere chiamato, di Giacomo Puccini come noto, al di là della qualità letteraria del testo a quella naturalmente subordinato e in quella costretto come un prigioniero, è custodita nella sua musica così profondamente figurativa e, sul filo della melodia, così intrinsecamente capace di […]

Read more ›
Jouer al grande attore

Jouer al grande attore

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Che il recitare sia un gioco è scoperta suggestione che i termini inglese e francese, che lo definiscono, apertamente svelano. Anche il teatro dunque è luogo in cui questo gioco, mi si perdoni il calambour, si gioca, appunto, ma non solo e non tanto in quanto “divertimento”, pur portando in sé questa analogia estetica e metaforica, […]

Read more ›
Due supermarionette sulle sedie di Ionesco

Due supermarionette sulle sedie di Ionesco

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Che il teatro sia ‘assurdo’, ben oltre i limiti del “teatro dell’assurdo”, non vuole essere una affermazione ma è pur sempre una suggestione che nasce dall’etimologia latina della parola, che sta, a partire da surdus, per ‘stonato’, a indicare una sorta di scarto e di distonia che il palcoscenico intrinsecamente porta con sé. È uno scarto […]

Read more ›
Quattro vite ed un unico specchio

Quattro vite ed un unico specchio

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Chi ha paura di Virginia Woolf è, e tra i più famosi, melodramma nel solco della grande tradizione nordamericana di metà novecento, segnata da un Tennesse Williams ad esempio, ma, forse perché scritto in una età ormai in transizione, è melodramma già eterodosso se non anomalo. Infatti se il melodramma come forma estetica e teatrale in […]

Read more ›
Il sororismo di Pascal Rambert

Il sororismo di Pascal Rambert

RUMOR(S)CENA – GENOVA – Opera del drammaturgo francese Pascal Rambert, Sorelle nasce da una intenzione dichiarata: rappresentare quasi figurativamente, come su una tela in movimento, l’energia che si sprigiona dal confronto, dal conflitto tra due corpi e due anime poste le une di fronte alle altre anche “indipendentemente” dalle motivazioni di quello stesso confronto/conflitto. Traslata in scena però, quell’intenzione non […]

Read more ›