7 SCENE D'EUROPA — 20/05/2017 11:06

7 Scene d’Europa: teatro, musica, danza

Share

MILANO

Piccolo Teatro Strehler

Il potere di Ostermeier Applaudito in tutta Europa, arriva il Riccardo III di Shakespeare per la sensazionale regia di Thomas Ostermeier. Con Lars Eidinger, Jenny Konig Moritz Gottwald, Sebastian Schwarz. Nato prematuro e deforme, Riccardo combatte per il suo re alla Guerra delle due Rose, ma poi vuole diventare egli stesso re: se il mondo non lo accetta dovrà subirlo, essere in suo potere. Sfruttando senza scrupoli le ambizioni e le paure degli altri a suo vantaggio, dopo un bagno di sangue ottiene il suo scopo, ma alla fine, rimasto solo al comando del regno inglese, privo di qualsiasi avversario, rivolgerà il suo furore per nemesi contro se stesso. Il ritmo della tragedia con gli attori della Schaubühne di Berlino è senza tregua (dal 25 al 27/5)

 

 

 

 

 

www.piccoloteatro.org

 

 


 

TORINO

Teatro Carignano

Il nome della rosa Di Umberto Eco, versione teatrale di Stefano Massini, regia Leo Muscato, scene Margherita Palli, costumi Silvia Aymonino. Scrive Muscato: “Abbiamo immaginato uno spettacolo in cui la dimensione del ricordo del vecchio Adso potesse diventare la struttura portante dell’impiano scenico, una scatola magica in trasformazione che possa evocare i luoghi dell’azione: una biblioteca, una cappella, una cella, ecc. Musiche originali, frammiste a canti gregoriani eseguiti a cappella dagli interpreti, creano luoghi di astrazione”. Con Eugenio Allegri, Giovanni Anzaldo, Giulio Baraldi, Renato Carpentieri, Luigi Diberti, Marco Gobetti, Luca Lazzareschi, Daniele Marmi, Mauro Parrinello, Alfonso Postiglione, Arianna Primavera, Franco Ravera, Marco Zannoni (dal 22/5 all’11/6)

 

foto di Andrea Guermani

 

 

www.teatrostabiletorino.it

 


SIRACUSA

Teatro greco

Rappresentazioni classiche Continuano a sere alterne (lunedì escluso) le tragedie. Affiancata nel dittico da Fenicie di Euripide diretta da Valerio Binasco, è Sette contro Tebe di Eschilo con la regia di Marco Baliani. Sette contro Tebe, la mortale lotta tra i figli maschi di Edipo per il dominio su Tebe, ha la traduzione di Giorgio Ieranò, scena e costumi di Carlo Sala e le musiche di Mirto Baliani. In scena ci sono Marco Foschi che incarna Eteocle, Anna Della Rosa (Antigone), Aldo Ottobrino (messaggero), Gianni Salvo (aedo), Massimiliano Frascà e Liber Dorizzi. La commedia invece sarà rappresentata da Le Rane di Aristofane, regia di Giorgio Barberio Corsetti; nel cast, Ficarra e Picone (fino al 25/6; dal 29/6)

Sette contro Tebe Marco Foschi (Eteocle)

 

 

www.indafondazione.org

 

 


 

LUGANO

LAC, Teatro Foce, Bellinzona, Chiasso

Quarto Incontro del Teatro Svizzero Agli Schweizer Theatertreffen per la prima volta, le città di Lugano, Bellinzona e Chiasso ospiteranno gli otto spettacoli scelti dalla commissione di selezione, provenienti sia dal teatro indipendente sia da quello istituzionale, nelle diverse lingue nazionali. Tra i 220 spettacoli visionati, due produzioni di compagnie ticinesi: Purgatorio di LuganolnScena per la regia di Carmelo Rifici e Twilight di Trickster-p realizzato da Cristina Galbiati e Ilija Luginbiihl, quest’ultimo tra i vincitori dei Premi svizzeri di teatro. La rassegna si conclude con Empire di Milo Rau, in arabo, francese, greco, curdo e romeno (dal 24 al 28/5)

 

Purgatorio Tiziano Mainieri

 

 

www.luganolac.ch

 

 


 

PARIGI

Comédie Française

La Règle du Jeu Dopo “Les Damnés” di Ivo van Hove, la più antica sala francese si spinge ancora più in là nella esplorazione di forme narrative. La regista brasiliana Christiane Jatahy supera il regista belga e mette in scena lunghe sequenze filmate su un grande schermo come al cinema. Dopo il cortometraggio di 30 minuti, la scena è nuda, poi si riconoscono elementi del “Romeo e Giulietta”. Jérémy Lopez come un maestro di cerimonie passa il microfono al pubblico per farlo cantare come in un karaoke “Summertime” di Gershwin e “Parole, parole” di Dalida. Serge Bagdassarian rivestito di vari costumi canta ai piedi di uno spettatore, Elsa Lepolvre stappa bottiglie di champagne. La provocazione della Jatahy è folle, fantastica (fino al 15/6)

 

www.comedie-francaise.fr

 


AMSTERDAM

Opera Nazionale Olandese

Rigoletto L’opera di Verdi, tra le più popolari e di impressionante forza drammatica, prende spunto da Le Roi s’amuse di Victor Hugo ma alla figura del re Francesco I sostituisce quella del Duca di Mantova. Con la regia di Damiano Michieletto e la direzione d’orchestra di Carlo Rizzi, è in scena alla Dutch National Opera. Protagonista, nel ruolo del buffone che involontariamente causa la morte della figlia e che il compositore definì “un uomo cattivo che paga col sangue del suo sangue tutto il male che ha fatto”, torna Luca Salsi. Al suo fianco sono impegnati Lisette Oropesa (Gilda), Saimir Pirgu (Duca di Mantova), Rafal Siwek (Sparafucile) e Annalisa Stroppa (Maddalena) (fino al 5/6)

 

 

 

www.operaballet.nl

 


 

BOLOGNA

Arena del Sole

Emigrant Ideazione e testi di Nadia Fabrizio, anche in scena; regia Dominique Pitoiset; musiche Povolar Ensemble. Attraverso canzoni che evocano nostalgie, emozioni e gioie semplici, la storia personale di Nadia Fabrizio si intreccia con l’universalità delle canzoni di Giorgio Ferigo. Un viaggio nella Carnia, la “Cjargne”, parte montuosa del Friuli, che restituisce il suo popolo in storie, brevi narrazioni, racconti cantati, testimoni di un’emigrazione e uno sradicamento. “Sono nata lontano dalle mie origini – dice la Fabrizio -, figlia e nipote di immigrati. Appartengo alla grande nazione di coloro che cercano le proprie radici. Non sradicata né strappata ai ricordi o a una vita, non emigrata io stessa, eppure frammentata, portando in eredità malinconia, rabbia, canti” (dal 23 al 28/5)

 

 

www.emiliaromagnateatro.com

 


claudia.provvedini@gmail.com

Ti potrebbe interessare anche...

Share
Tags: