Arte — 08/07/2019 11:22

Il collettivo Azioni Fuori Posto con “Oltrepassare” vince Il Premio Pergine Arte Giovane 2019

Share

RUMOR(S)CENA – PERGINE ARTE GIOVANE – PERGINE FESTIVAL – Silvia Dezulian, Martina Dal Brollo, Gabriél Garcia Rojas, Filippo Porro, sono i componenti del collettivo di artisti “Azioni Fuori Posto” che con la performance “Oltrepassare” si sono aggiudicati il primo premio di Pergine Arte Giovane, il concorso per giovani creativi indetto dal Comune di Pergine in collaborazione con Pergine Festival. Menzione speciale per il giovanissimo Gaspare Gianduia Grimaldi.

Si è conclusa sabato 6 luglio con la premiazione in Piazza Fruet la quarta edizione di Pergine Arte Giovane, il concorso per giovani artisti del Trentino Alto Adige promosso dal Comune di Pergine e ospitato all’interno di questa 44esima edizione di Pergine Festival. I 12 progetti – che spaziavano tra la pittura digitale e l’installazione site-specific, tra l’arte visiva e le arti performative – sono stati selezionati dai rappresentanti degli enti promotori insieme a Dora Bulart, curatrice a cui è affidata per l’edizione 2019 la direzione artistica del concorso per guidare i giovani artisti negli allestimenti delle opere. La giuria – composta da Elisa Bortolamedi (Assessora alla Cultura del Comune di Pergine), Paolo Vivian (artista), Roberto Rinaldi (giornalista / critico teatrale Rumorscena), Claudia Gelmi (coordinatrice MAG – Museo Alto Garda) e Marco Segabinazzi (curatore della rassegna Musica Macchina – Centro Santa Chiara) – si è confrontata valutando tutte le opere presentate decretando i vincitori all’unanimità.

 

Collettivo Azioni fuori posto performance Oltrepassare vincitore del Premio Pergine Arte Giovane

Azioni Fuori Posto, con il loro lavoro Oltrepassare – un’azione performativa in urbana che unisce danza, scultura e suono – si sono aggiudicati il primo premio da parte della giuria che ha espresso così le sue motivazioni: «per il valore della ricerca espressiva corporea-poliscenica e del lavoro sull’impatto estetico visivo sugli oggetti, per la qualità dell’azione sul versante tecnico sonoro e per la ricerca teorica approfondita che si evidenzia nel risultato finale». Una menzione speciale è stata poi riconosciuta a Gaspare Gianduia Grimaldi e alla sua opera Emotiva tranquillità, «per la consapevolezza del linguaggio artistico e per la maturità dimostrata nell’utilizzo della tecnica espressiva raggiunta, soprattutto in relazione alla giovane età». Si è chiusa così un’edizione di successo del concorso, realizzato quest’anno in un formato completamente rinnovato con l’obiettivo di valorizzare le giovani eccellenze artistiche del territorio, stimolando i creativi a una riflessione sullo spazio urbano: la città come spazio dello spirito collettivo e punto d’incontro, dove il dialogo ancora è possibile.

 

Collettivo Azioni Fuori Posto e a destra Davide Gianduia Grimaldi

Share
Tags: