Post taggato con: "Codice Ivan"

Lavia e il nuovo corso della Pergola: giovani, un premio, il Goldoni
/ 20/05/2014 17:13

Lavia e il nuovo corso della Pergola: giovani, un premio, il Goldoni

FIRENZE – Già dalla presentazione abbiamo capito in che direzione sta andando il Teatro della Pergola. Un evento di lustrini ed hostess, di flash ed invitati, pompa magna, mancava il red carpet per trasformare il tutto in una grande notte, anche se era mattina inoltrata. Mai vista tanta gente per una conferenza stampa, una platea superiore numericamente a qualche replica […]

Metti una sera a Contemporanea ed è subito “Be Legend” e poi “Muori”. nuove generazioni a confronto
/ 10/10/2013 20:22

Metti una sera a Contemporanea ed è subito “Be Legend” e poi “Muori”. nuove generazioni a confronto

Metti una sera a Contemporanea. Al Fabbricone, una dopo l’altra, Teatro Sotterraneo e Codice Ivan, gruppi toscani fiore all’occhiello tra le nuove generazioni artistiche teatrali. Pubblico di teatranti, operatori, accogliente, ovattato, protetto. E’ il mondo dei festival ancora indecisi sul proprio ruolo: se essere fautori di nuovi venti d’avanguardia o se essere spazio d’occasione per il territorio. Andiamo per ordine. […]

Uomo decidi come vuoi vivere e ti dirò se sei felice. Parola dei Codice Ivan
/ 22/12/2011 12:26

Uomo decidi come vuoi vivere e ti dirò se sei felice. Parola dei Codice Ivan

La felicità esiste o è solo un’invenzione e forse aveva ragione Albert Camus quando scriveva nel suo Caligola: «Gli uomini muoiono e non sono felici». Ma soprattutto cos’è la felicità? Seneca era sicuro dicendo che: «Nessuno lontano dalla verità può dirsi felice.» La spiegazione sta nello stato d’animo che è un’emozione, positivo di chi si sente soddisfatto e realizzato. Sa […]

Sono giorni di Zoom a Scandicci. Il festival offre il meglio delle nuove generazioni
/ 05/12/2011 20:48

Sono giorni di Zoom a Scandicci. Il festival offre il meglio delle nuove generazioni

A Zoom Festival il 6 dicembre al Teatro Studio di Scandicci, sono di scena gli Anagoor con Fortuny, omaggio al poliedrico artista andaluso, ossessionato da Venezia, ma anche un lavoro in cui i giovani performer ricercano lo sguardo dell’uomo sulla città lagunare; un tentativo corsaro di trafugare un tesoro di simboli e immagini in una drammaturgia visiva enigmatica e labirintica. […]