Teatro — 21/05/2015 00:41

Carmelo Rifici è il nuovo direttore della Scuola del Piccolo Teatro di Milano

Share

MILANO – Carmelo Rifici è il nuovo direttore della Scuola di Teatro del Piccolo Teatro di Milano per il biennio 2016/17. Subentra a Luca Ronconi che l’ha diretta dal 1999 fino alla sua scomparsa, avvenuta il 21 febbraio 2015 e a lui intitolata. Fondata da Giorgio Strehler nel 1986 la scuola, una delle migliori accademie di Arte Drammatica, si è distinta per la sua serietà professionale ed artistica e nell’arco dei ventisei anni di attività è diventata parte integrante con il Piccolo Teatro stesso. Questo consente di inserire gradualmente gli allievi di passare dallo studio alle esperienze formative teatrali fino all’ingresso ufficiale nella realtà lavorativa. Il Consiglio di Amministrazione è composto da Federica Olivares (Mibact), Stefano Baia Curioni (Comune di Milano), Cristina Cappellini, Andrea Ragosta (Regione Lombardia), Livia Piermattei (Città metropolitana), Marco Accornero (Camera di Commercio di Milano). Salvatore Carrubba è il Presidente della Fondazione.

piccolo teatro

Per Carmelo Rifici è un riconoscimento prestigioso che suggella il rapporto con il Piccolo di cui è stato uno dei registi più affermati nelle stagioni passate. Nato nel 1973 si è diplomato in recitazione e regia all’Accademia del Teatro Stabile di Torino e in Storia del Teatro e dello Spettacolo all’Università Statale di Milano.

Carmelo-Rifici-ritratto

Regista collaboratore di Luca Ronconi  nelle produzioni del Progetto Domani, legate alle Olimpiadi di Torino 2006, ha collaborato sempre con lui per Farenheit 451 di Bradbury, Ulisse doppio ritorno di Botho Strauss e Porfirio, Turandot di Puccini, Il mercante di Venezia di Shakespeare. In qualità di regista nel 2001 firma la regia di Cinque capitoli per una condanna, tratto da Victor Hugo, per il Teatro Stabile di Torino. Nel 2002 mette in scena Tre sorelle di Anton Cechov per il Teatro Verdi di Milano e il Teatro della Contraddizione di Milano.  Dal 2003 al 2006 è regista residente al Teatro Litta di Milano dove allestisce Il giro di vite di Henry James, La tardi ravveduta di Giuseppe Giacosa, La Signorina Julie di Arthur Strindberg. Nel 2004 mette in scena I Giusti, di Albert Camus per il Teatro di Sinalunga. Nel 2006 firma la regia di Lunga giornata verso la notte di Eugeen O’Neill per il Teatro Filodrammatici di Milano.

Nel 2007 partecipa alle Manifestazioni di San Miniato con Il nemico, di Julien Green con cui collaborerà con La testa del profeta di Elena Bono nel 2009. Del 2008 è la commissione del Napoli Teatro Festival  Chie-Chan e io, dal romanzo di Banana Yoshimoto, adattamento di Giorgio
Amitrano. Dello stesso anno è Una notte di maggio di Abraham Yeoshua per il Teatro Due di Parma.
Nel 2009 firma le regie de  I pretendenti di  Jeanluc Lagarce e  Il gatto con gli stivali, una recita continuamente interrotta, di Ludwig Tieck, entrambi per il Piccolo Teatro di Milano. Del 2010 sono le regie di  Dettagli di Lars Noren per il Piccolo Teatro di Milano, Pocket Shakeaspeare per Teatro Due di Parma,  Fedra di Euripide per l’Istituto del Dramma Antico di Siracusa.
Nella stagione 2010/2011 firma le regie: Buio di Sonia Antinori per Teatro Due di Parma,  Avevo un bel pallone rosso di  Angela Dematté per lo Stabile di Bolzano,  Nathan il saggio di Lessing per il Piccolo di Milano e  Medeadi Cherubini per il Ponchielli di Cremona.

piccolo teatro 2

Nella stagione 2011/2012 firma le regie di Elektra di Hoffmansthal, per il Teatro Stabile del Veneto, e  I puritani di Bellini, sempre per il Circuito Lirico Lombardo. Del 2012 è Giulio Cesare di Shakespeare per il Piccolo Teatro di Milano e La Rosa Bianca di Lillian Groag per lo Stabile di Bolzano. In qualità di insegnante è docente di Recitazione e analisi del testo per il Corso di Perfezionamento per attori, diretto da Luca Ronconi, all’Università per le Arti Visive di Venezia, per il Corso Regionale per Attori della Valle d’Aosta. E’ stato inoltre Coordinatore Didattico del Corso Propedeutico d’Arte drammatica del Teatro Litta di Milano. E’ socio dell’associazione Proxima Rex di cui Tindaro Granata e’ il direttore artistico. Nel 2005 ha vinto il Premio della Critica, come regista emergente. Nel 2009 ha ricevuto il Premio Eti Olimpici del Teatro come miglior regista dell’anno, il Premio della Critica, il Golden Graal e la nomination per i Premi Ubu sempre come miglior regista dell’anno.

Dal 2014 è direttore artistico di LuganoInScena, coproduttore insieme al Piccolo Teatro di Milano  de “Il Gabbiano” di Cechov che andrà in scena nel teatro di Lugano dal 5 all’8 novembre 2015.

Ti potrebbe interessare anche...

Share