altrifestival — 05/06/2020 at 21:36

Il Lucido’s Family Festival “Donne Galattiche” edizione on line 2020 con Dacia Maraini e Aizzah Fatima

di
Share

RUMOR(S)CENA – FAMILY FESTIVAL – LUCIDO’S SOTTILE – CAGLIARI – La sesta edizione del Lucido’s Family Festival di LucidoSottile (attualmente in corso), edizione speciale “in rete”, è dedicata alle “Donne Galattiche. In programma sabato 6 Giugno alle ore 16 “Endometriosi d’assalto”con Vania Mento, testimonial della lotta contro una patologia non abbastanza conosciuta, con la partecipazione delle Lucide alias Tiziana Troja e Michela Sale Musio

Nel segno di Franca Valeri con un altro dei testi vincitori del KIT International Playwright Women in Comedy nell’interpretazione di Angelo Trofa, Valentina Fadda e Felice Montervino (Batisfera Teatro). L’incontro alle 17.30 con la scrittrice Dacia Maraini sulle “Donne Galattiche”, in rete con le giornaliste Susi Ronchi e Roberta Celot per un ideale viaggio tra letteratura e teatro, arte e impegno, cultura e società – a partire dall’opera “Corpo felice. Storia di donne, rivoluzioni e un figlio che se ne va”. Dopo un “corto” del KIT nella versione di Batisfera Teatro (alle 20.20) e l’incontro con l’autrice e interprete Aizzah Fatima (alle 20.30), va in scena “Dirty Paki Lingerie” che descrive con umorismo il variegato universo femminile pachistano-americano-musulmano.

Dacia Maraini

Domenica 7 Giugno alle 17: “Concerto in una stanza” del Teatro dall’armadio per un “akkabbarret”: canzoni della mala con Cristiana Cocco e Fabio Marceddu, che firma la regia insieme ad Antonello Murgia. S’intitola “Tutto ciò che il paradiso permette” il romanzo di Manuela Caracciolo presentato alle ore 18 con Le Lucide. “Famiglie Galattiche” con Camilla Seibezzi (alle ore 19) dove si parlerà di diritti civili e mutamenti della società. Alle 20.30 “Vere e Sacrosante” di e con Tiziana Troja e Michela Sale Musio, con la partecipazione delle due esponenti dell’underground metropolitano Tanya & Mara – nate dalla fantasia delle due attrici e registe, tra slang e status symbol da moderna tribù urbana e imprese temerarie. La LPTW (Lega internazionale delle professioniste del teatro) di cui Le Lucide sono entrate a far parte lo scorso anno, un prestigioso sodalizio con sede a New York che riunisce 150 donne di 26 paesi di tutto il mondo. Finale “virtuale” tra ironia e satira in attesa della riapertura dei teatri, e in particolare dell’exArt di Cagliari (tra ristrutturazioni e messa in sicurezza) per la settima edizione della kermesse rigorosamente dal vivo.

Fatima Aizzah

«Il Festival è dedicato a quelle donne che nella loro quotidianità lasciano un segno straordinario della loro presenza – spiegano le direttrici artistiche Tiziana Troja e Michela Sale Musio – con l’ interazione dei festivals “In scena!” di New York e “On Stage” di Roma che assume un respiro ancora più internazionale per la sua presenza sulle piattaforme web del canale YouTube». Temi sociali – a partire dalle questioni di genere fino alle discriminazioni, il ruolo della famiglia e la ricerca di un’identità – ma anche storie esemplari per la kermesse che indaga sulle diverse declinazioni e sfaccettature dell’universo femminile – e non solo – tra le difficoltà delle relazioni nella civiltà liquida, desideri e aspirazioni, amarezza e disincanto con la cifra “irriverente” e contemporanea di LucidoSottile.

https://www.youtube.com/user/lucidosottile

https://www.lucidosottile.com/ .

Share
Tags

Comments are closed.