musica e concerti — 01/09/2015 17:51

I Wiener Symphoniker diretti da Philippe Jordan, Settimane Musicali Meranesi

Share

 

MERANO (Bolzano)  –  Proseguono i concerti del ciclo sinfonico “classic“ delle Settimane musicali meranesi: il 1 settembre alle ore 20.30 i Wiener Symphoniker guidati dal loro direttore stabile Philippe Jordan si esibiranno al Kursaal proponendo le Variazioni per orchestra, op. 30 di Anton Webern, la Sinfonia concertante in mi bemolle maggiore per violino, viola e orchestra, K 364 di Wolfgang Amadeus Mozart e la Sinfonia n. 7 in la maggiore, op. 92 di Ludwig van Beethoven. Solisti saranno Nikolaj Znaider (violino) e Kyoungmin Park (viola).

I Wiener Symphoniker si costituirono nel 1900 – il nome originario era Wiener Concertverein – con l’obiettivo dichiarato di organizzare concerti sinfonici a prezzi accessibili per il grande pubblico, e per consentire l’allestimento di prime esecuzioni – spesso assolute – delle opere allora contemporanee. La formazione debuttò nel salone grande del Musikverein di Vienna il 30 ottobre del 1900, diretta da Ferdinand Löwe, e assunse la propria denominazione attuale nei primi anni Trenta. Sulla crescità qualitativa dell’orchestra influirono profondamente i direttori stabili Herbert von Karajan (dal 1950 al 1960) e Wolfgang Sawallisch (dal 1960 al 1970), cui succedettero Carlo Maria Giulini, Gennadij Roshdestvenskij, Georges Prêtre, Rafael Frühbeck de Burgos e Vladimir Fedosejev. Dall’inizio della stagione sinfonica 2005/06 l’orchestra fu diretta dal direttore stabile Fabio Luisi, che all’avvio della stagione 2014/15 ha ceduto il timone al nuovo direttore d’orchestra svizzero Philippe Jordan.

Philippe Jordan,

                                                                           Philippe Jordan

Considerato oggi uno dei direttori d’orchestra più validi della sua generazione, Philippe Jordan, attualmente direttore musicale dell’Opera di Parigi e direttore d’orchestra stabile dei Wiener Symphoniker, iniziò la propria formazione musicale già all’età di sei anni studiando pianoforte. Due anni dopo entrò a far parte delle voci bianche dei Sängerknaben di Zurigo, e poco più tardi cominciò a studiare violino. Nel 1990, quando aveva ancora sedici anni, fu accolto al conservatorio di Zurigo. La sua carriera di direttore d’orchestra cominciò con la stagione 1994/95 al Teatro Civico di Ulma. Dopo essere stato assistente di Daniel Barenboim all’Opera di Stato di Berlino dal 1998 al 2001, assunse il ruolo di direttore d’orchestra stabile dell’Opera e dell’Orchestra filarmonica di Graz, e dal 2006 al 2010 fu direttore ospite principale all’Opera di Stato di Berlino.
Nikolaj Znaider non è solo uno dei più grandi violinisti dell’attuale panorama musicale ma si sta dimostrando anche uno degli artisti più versatili della sua generazione, unendo il talento da solista a quello di direttore d’orchestra e musicista da camera. Nella stagione 2013/14 è stato Artist in Residence della Konzerthausorchester di Berlino, dove ha diretto due programmi sinfonici e dove è apparso anche in recital e come solista. Nella stagione 2011/12 è stato Artist in Residence della Staatskapelle Dresden e, nella stagione successiva della London Symphony Orchestra. Le sue incisioni dei Concerti per violino di Brahms e Korngold con la Filarmonica di Vienna e Valery Gergiev, dei Concerti di Beethoven e Mendelssohn con Zubin Mehta e la Filarmonica Israeliana, dei Concerti di Prokofiev e Glazunov con Mariss Jansons e l’Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese hanno vinto numerosi premi e hanno raccolto i favori della critica, proprio come la pubblicazione delle opere complete per violino e pianoforte di Brahms eseguiti insieme a Yefim Bronfman.
Nata a Seul (Corea del Sud) nel 1990, la violista Kyoungmin Park iniziò la propria formazione musicale a sei anni, studiando dapprima il violino. Nel 2001 passò alla viola, e dal 2003 cominciò a studiare alla Musikhochschule di Vienna, per poi proseguire, dopo il 2008, alla Musikhochschule “Hanns Eisler” di Berlino. Nel settembre 2013 Kyoungmin Park ottenne un secondo premio e il premio del pubblico al concorso musicale dell’emittente televisiva ARD a Monaco di Baviera, l’anno dopo fu ospite del festival Tong-Yeong nella Corea del Sud, e nello stesso periodo si cimentò in un’esibizione solistica nel ciclo concertistico delle “stelle nascenti” alla Kumho Art Hall di Seul. Ha vinto due volte il concorso del Deutscher Musikinstrumentenfonds, e dal febbraio del 2013 suona una viola realizzata dal celebre liutaio Patrick Roben, Angers 2012, prestito della fondazione Deutsche Stiftung Musikleben.
Settimane musicali meranesi
Informazioni & Biglietti

Biglietteria: Corso Libertà 29, Merano
Orario d’apertura: giornalmente ore 9.00 – 13.00 |17.00 – 19.00, domenica chiuso
tel 0473/49 60 30
mail: office@meranofestival.com
www.meranofestival.com

Share
Tags: