Teatro, Va in scena a — 30/06/2013 07:44

Le Presidentesse di Werner Schab. Maurizio Lupinelli porta in scena a Inequilibrio una farsa feroce sul conformismo dell’essere umano

Share

Va in scena in prima nazionale domenica 30 giugno alle 21 e lunedì alle ore 19, a Inequilibrio/Armunia, Festival Costa degli Etruschi di Castiglioncello, Le Presidentesse di Werner Schwab per la regia di Maurizio Lupinelli e la riduzione drammaturgica di Rita Frongia. Con Elisa Pol, Federica Rinaldi, Maurizio Lupinelli. Assistente alla regia Michele Bandini, costumi Maria Chiara Grotto, disegno luci Giacomo Gorini e la collaborazione di Claudio Morganti. Una produzione Nerval Teatro, Armunia Festival Inequilibrio, Regione Toscana Sistema regionale dello spettacolo dal vivo con la collaborazione del Comune di Guardistallo, Centro Artistico Il Grattacielo, Teatro l’Ordigno di Vada

 

Le parole donate agli esclusi non hanno le virtù delle fiabe

Le presidentesse di Werner Schwab è una farsa feroce che denuncia i conformismi, le ipocrisie religiose e la violenza verbale e fisica celata sotto l’apparente quiete dei rapporti umani. In una cucina tre personaggi femminili, come maschere di uno squallido teatrino popolare, si raccontano alternando sferzante ironia e grottesca comicità, con repentine discese nel tragico. Le presidentesse costituisce la seconda tappa di Progetto Schwab, percorso triennale che Nerval Teatro dedica al mondo e al linguaggio dell’autore austriaco. La scrittura di Schwab costringe a trasformare il linguaggio in carne umana; i suoi personaggi devono avere il dono o l’umiltà di lasciarsi trasfigurare nel corpo, inciampare nella pulsazione e nel fremito. La presenza dell’attore diventa indispensabile per lo sprofondamento della lingua nel corpo, in un teatro capace di restituire il rumore della vita.

crediti fotografici di Guido Mencari 

Share