Teatro, Va in scena a — 30/01/2012 22:17

Malapolvere di e con Laura Curino in prima nazionale al Teatro Gobetti di Torino e al Duse di Genova

Share

Va in scena al Teatro Gobetti di Torino, in prima nazionale, martedì 31 gennaio (repliche fino al 12 febbraio), “Malapolvere veleni e antidoti per l’invisibile”di e con Laura Curino che firma anche il progetto insieme a Lucio Diana, Alessandro Bigatti, Elisa Zanino, ispirato dal libro Mala polvere di Silvana Mossano (Editore Sonda 2010). Il Teatro Stabile di Torino, rinnovando la sua attenzione per le tematiche capaci di offrire spunti di riflessione alla società contemporanea, prosegue nel suo intento di produrre spettacoli legati ad argomenti di chiaro impegno civile. Dopo aver proposto, nel 2008, La menzogna di Pippo Delbono sull’incendio all’Acciaieria Thyssen-Krupp di Torino e, nel 2010, Il Signore del cane nero di Laura Curino e Gabriele Vacis sulla vicenda di Enrico Mattei, porta ora in scena Malapolvere scritto e interpretato da Laura Curino, uno spettacolo di scottante attualità legato al problema dell’avvelenamento da amianto a Casale Monferrato, la città simbolo di una strage silenziosa. Lunedì 6 febbraio l’attrice sarà ospite di Gad Lerner nel suo programma “L’infedele” su La 7 alle 21.10, mentre la Rai riprenderà lo spettacolo che verrà trasmesso dal programma La Storia siamo noi di Giovanni Minoli per Rai Educational. Tra le molte testate che si sono accreditate c’è anche Le Monde di Parigi e la Televisione Svizzera.

 

 

Un particolare ringraziamento all’Associazione Familiari Vittime Amianto di Casale.

L’avvelenamento da amianto: una tragedia fattasi simbolo di uno dei tanti mali a cui ci si espone senza saperlo. Lo spettacolo è un canto per quegli uomini e quelle donne che si sono immolate sull’altare di una tragedia del lavoro, un sacrificio importante che potrebbe essere non solo la fine di una storia terribile, ma anche il capitolo iniziale di una storia virtuosa. Scrive Laura Curino, artista che ha fatto della pratica teatrale una modalità di espressione civile: «Casale Monferrato è una bella cittadina tra le colline e il Po, ricca di storia, d’arte e di operosità. Città di colori, il rosso dei mattoni del castello, il rosa del cotto barocco, l’oro della Sinagoga, dei campi di grano e dei biscotti, le geometrie bianche e rosse del Duomo, il bronzo delle statue e dei metalli, il verde delle colline, l’azzurro del cielo e, sì, il bianco della nebbia e della neve. Un giorno, a coprire tutto arrivò il grigio, la cipria impalpabile della mala polvere dell’Eternit, il polverino sottilissimo che si insinua dovunque trasportato dal vento, dai mezzi, dalle persone. Casale è diventata città avvelenata, città di dolore. Ma anche città di risveglio, città di coscienza, città di vita. Qui, tra le colline e il Po, si dipana nell’arco di più di cento anni, una delle storie simbolo della nostra contemporaneità; veleni in cambio di prosperità economica, fatiche e disagi al limite dell’umano in cambio di salari decorosi, fino all’assurdo scambio di malattia in cambio di “benessere”. E parallelo l’altro scambio infernale: bugie o silenzio invece di verità, arroganza invece di etica, rischi mortali invece di ricerca, profitti invece di sicurezza.

Il processo Eternit, che si sta svolgendo a Torino, è il maggior processo penale che si sia mai celebrato per un disastro ambientale provocato da un luogo produttivo. Ed è attorno a questo processo, nelle persone che lo hanno voluto, nella dedizione delle famiglie, nella volontà di una intera città, che si scatena con forza l’antidoto all’indifferenza, alla menzogna e – speriamo un giorno – anche alla malattia. Quella che voglio raccontare non è solo la storia delle città dell’Eternit. È la storia tra queste due opposte energie: malefica e salvifica. È una storia di rabbia e d’amore. Amore per la vita di tutti noi».

 

 

La scenografia e il video è di Lucio Diana, luci Alessandro Bigatti, ricerche Luca Scarlini, musiche originali Roberto Negro, assistente alla drammaturgia Beatrice Marzorati

riprese video e montaggio Eleonora Diana, segreteria di produzione Elisa Zanino. Una produzione Fondazione del Teatro Stabile di Torino, Associazione culturale Muse.

 

Recite: martedì e giovedì, ore 19.30; mercoledì, venerdì e sabato ore 20.45; domenica ore 15.30.

Biglietteria del Teatro Stabile di Torino|Teatro Gobetti – via Rossini 8, Torino – dal martedì al sabato, dalle ore 13.00 alle ore 19.00. Domenica e lunedì riposo. Tel. 011/5176246 – Numero Verde 800.235.333

Nei giorni di recita è possibile acquistare i biglietti alla cassa del teatro un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

 

Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it

info@teatrostabiletorino.it

 

Repliche il 18 febbraio alle 20.45 al Teatro San Filippo Neri di Nembro (Bergamo)

info@teatrosanfilipponeri.it

Biblioteca di Nembro tel. 035 471370

 

Dal 22 al 26 febbraio 2012 al Teatro Duse di Genova.

Teatro Duse
Via Bacigalupo – 16122 Genova – 010 5342.200
prenotazioni 010 5342.400

www.teatrostabilegenova.it

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...

Share