Teatro, Va in scena a — 27/04/2012 16:53

Sarebbe comico se non fosse tragico. Gogmagog in prima nazionale al Teatro Studio di Scandicci

Share

Venerdì 27 aprile alle ore 21.00 (in replica sabato 28) debutta in prima nazionale al Teatro Studio di Scandicci la nuova produzione di Gogmagog Sarebbe comico se non fosse tragico. La regia è di Virginio Liberti ed e’ interpretato da Cristina Abati, Rossana Gay, Carlo Salvador e Tommaso Taddei.

Lo spettacolo si basa su alcuni atti unici di Jean Tardieu, poeta e radicale sperimentatore del teatro francese. Tardieu è stato un anticipatore, non sempre riconosciuto, e oggi sicuramente meno rappresentato di autori come Jonesco, Adamov e Beckett, aprendo strade tematiche e formali che hanno rappresentato un importante innovazione del teatro europeo del novecento.   Attraverso questi atti unici, talvolta tagliati nella misura dello sketch e dell’aforisma, lo spettatore assiste a una delirante riflessione sul linguaggio e sulle sue forme sceniche: dal teatro poetico, alla drammaturgia del grottesco, dalla ricerca del mondo onirico alla ricostruzione dei fantasmi ossessivi della società contemporanea, arrivando a trasformare la parola in elemento musicale e la struttura drammaturgica in struttura concertistica.

In Sarebbe comico se non fosse tragico si accendono barbagli di luce di disperata e sogghignante solitudine dell’essere umano, sulla sua necessità di conoscenza del mondo, della vita e di sé stesso pur avendo la certezza che la felicità è incerta.

Dopo il trittico pirandelliano del 2009 intitolato Questa sera si recita la nostra fine, il monologo Quanto mi piace uccidere – storia di un politico toscano e lo spettacolo Moliére Fragments – scene da il Misantropo e il Tartufo, entrambi del 2010, Virginio Liberti e Gogmagog tornano a collaborare per riaffermare l’idea di una pratica teatrale fatta di curiosità artistica e di impegno sociale.

 

 

Sarebbe comico se non fosse tragico

testi di Jean Tardieu

La sagra della notte

La suonata e i tre signori o Come parlare di musica,

L’A B C della vita

Una voce senza nessuno

uno spettacolo di Virginio Liberti

con Cristina Abati, Rossana Gay, Carlo Salvador, Tommaso Taddei

 

 

 

Teatro Studio – Via G. Donizetti n.58 – Scandicci (FI) – 055 7591591

biglietteria@teatrostudiokrypton.it www.teatrostudiokrypton.it

 

 

 

 

 

Share