spettacoli — 22/05/2019 23:32

In-Box Dal vivo 2019 a Siena con Straligut Teatro “un occhio” sul teatro contemporaneo…

Share

RUMOR(S)CENA – IN-BOX DAL VIVO – SIENA – Ideato da Straligut Teatro e sostenuto dal Comune di Siena il progetto In-Box dedicato alla promozione di artisti e compagnie emergenti tramite due bandi annuali che mettono in palio tournée di repliche con compenso: complessivamente sono 93 nel 2019. Per l’originalità del progetto In-Box ha ottenuto dal 2015 il riconoscimento dal Ministero per i beni e le attività artistiche e culturali, oltre a quello della Regione Toscana tramite la residenza artistica riconosciuta a Straligut dal 2016. Il progetto si avvale del sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo onlus, partner dal 2013.
Prosegue anche il progetto In-Box Millennials, dedicato agli studenti universitari e sviluppato col sostegno dell’Università degli Studi di Siena e uSiena Campus. Due gruppi di studenti avranno un ruolo attivo durante il festival: una giuria popolare guidata dal critico e giornalista di Rai 3 Gherardo Vitali Rosati, che sceglierà il suo spettacolo preferito e una redazione giornalistica, coordinata da Andrea Pocosgnich di Teatro e Critica, che racconterà il festival.

 

Così lontano così Ticino

Giovedì 23 maggio (ore 12,00, Teatro dei Rozzi) anteprima su invito e fuori concorso: Settanta volte sette del Collettivo Controcanto, ensemble di artisti che focalizzano la propria attenzione su temi di attualità attraverso un metodo di lavoro che prevede un lungo processo di costruzione collettiva della messa in scena. Lo spettacolo racconta la vita di due famiglie i cui destini s’incrociano, portando alla luce sia rimorsi e rabbia, sia la possibilità che il dolore inflitto e il dolore subito parlino una lingua comune attraverso la quale l’essere umano, dietro la colpa, possa ancora riconoscere l’uomo. Città Murata, storica compagnia di teatro ragazzi, in collaborazione con Mumble Teatro alle ore 18,00 al Teatro del Costone con Così lontano così Ticino, uno spettacolo toccante che affronta il fenomeno dei Versteckte Kinder, bambini italiani clandestini in Svizzera, sepolti vivi nei loro bugigattoli alle periferie delle città industriali, con i genitori terrorizzati dalle denunce dei vicini che raccomandavano loro di non fare rumore, di non ridere, non giocare, non piangere. Una piaga che contava 30.000 bambini negli anni ’70, proseguita fino agli anni ’90.

 

La classe Valeria Tomasulo

Alle 21,30 al Teatro dei Rozzi, Luisa Merloni – Psicopompo Teatro con Farsi Fuori. Attrice e autrice, ha fondato con Manuela Cherubini la compagnia PsicopompoTeatro con la quale realizza una serie di spettacoli teatrali tra cui Hamelin di Juan Mayorga, vincitore del premio UBU 2008 come migliore novità straniera. Lo spettacolo scelto anche per una trasposizione cinematografica, nasce da una semplice domanda: siamo la prima generazione che sceglie davvero se essere madre o no? In una società che vede, forse per la prima volta, una generazione di donne ritardare sempre più la scelta di diventare madri, la maternità torna a essere tema discusso e controverso dove si scontrano spesso visioni differenti sulla vita, la religione, la spiritualità.

Venerdì 24 maggio alle ore 14,30, presso la Contrada della Selva, la Premiazione del Bando Toc – Teatro di Origine Certificata. Ideato dal tavolo etico di C.Re.S.Co – Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea, di cui Straligut è socio fondatore, il bando, alla sua prima edizione, assegna un riconoscimento da una struttura teatrale che si è distinta per la particolare aderenza al codice deontologico redatto da C.Re.S.Co.
Lo scrittore Claudio Morici presenta 46 tentativi di lettera a mio figlio in cui tenta di spiegare a suo figlio il senso della vita e soprattutto il perché della separazione dei suoi genitori. Morici si muove tra il monologo, il reading letterario e il radio dramma, con sfaccettature che vanno dal comico al drammatico, dal biografico al fiabesco. Fartagnan Teatro, compagnia nata nel 2017 con il sogno di creare un nuovo Teatro Pop per la generazione 2.0., presenta Aplod spettacolo selezionato per Tramedautore 2018 – Festival internazionale delle drammaturgie: un testo “distopico” quasi fantascientifico, che ricalca il modello della serie tv inglese BlackMirror, una commedia nera, ricolma di riferimenti alla cultura pop 2.0, che gira attorno al mondo paradossale del videosharing.

 

Farsi Fuori

La Classe scritto, diretto e interpretato da Fabiana Iacozzilli è il vincitore del bando di residenze interregionali CURA 2018. A partire dai ricordi sulla scuola elementare, questo lavoro drammaturgico ha trovato il suo vero significato nel momento in cui, sull’onda dei ricordi collettivi, è emersa la domanda intorno alla quale lo stesso spettacolo s’interroga “Cosa ogni essere umano è in grado di diventare, a partire dal proprio dolore?”

Sabato 25 maggio alle ore 11.00, al Teatro dei Rozzi, Maze – Labirinto di Unterwasser, è una live performance di ombre nella quale sculture e corpi tridimensionali sono proiettati dal vivo su un grande schermo, creando l’illusione di assistere a una pellicola cinematografica. Non ci sono parole ad accompagnare le immagini ma una colonna sonora originale, grazie alla quale il linguaggio universale del teatro visuale senza parole diviene lo strumento per indagare l’umano e le sue sfaccettature. La giuria distribuirà fra i 6 finalisti le 52 repliche in palio (ogni teatro sceglie in autonomia cosa acquistare) e alle 13,00, presso la Contrada della Selva, ci sarà la Proclamazione del Vincitore In-Box ’19 (lo spettacolo con più repliche assegnate).

 

Cappuccetto Rosso foto di Guido Mencari

 

In Box – Verde 

Spettacoli che hanno ottenuto le repliche

1)Kanu (Piccoli Idilli Merate)
2)Cappuccetto Rosso (Zaches Teatro)
3)Storto (inQuanto teatro)
4)Il Mulo (4gatti), Storia di uno Schiaccianoci (Il Teatro Nel Baule) e A naso in aria (Schedía Teatro)

 

www.inboxproject.it 

info@inboxproject.it

Share
Tags: