spettacoli — 18/06/2017 09:53

L’Arena Shakespeare: lo spazio teatrale del Teatro Due di Parma

Share

PARMA –  Un’estate all’insegna del teatro classico con ben quattro prime nazionali.  Un programma che comprende anche la possibilità di ascoltare e partecipare a incontri di approfondimento, seminari e lectio magistralis, oltre ad una formazione per attori e drammaturghi. La prima stagione estiva organizzata dalla Fondazione Teatro Due di Parma (che si svolge dal 22 giugno al 17 luglio 2017) inaugurerà l’ Arena Shakespeare, un nuovo spazio all’aperto unico in Italia che sommandosi ai dieci i luoghi di rappresentazione di Fondazione Teatro Due, completa la configurazione di una delle fabbriche teatrali contemporanee più articolate e versatili a livello nazionale oltre ad essere all’avanguardia nel panorama europeo.

 

Sogno di una notte di mezza estate

In concomitanza con il solstizio estivo va in scena il 22 e 23 giugno Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, (in collaborazione con Fondazione Arturo Toscanini e Fondazione Teatro Due), la direzione musicale di Noris Borgogelli e la regia di Walter Le Moli, un “incidental music” che unisce il verso recitato e il canto e le musiche di scena per Soli, Coro e Orchestra op. 61 di Felix Mendelssohn Bartholdy. Il Sogno di una notte di mezza estate è il capolavoro shakespeariano che ha accompagnato e ossessionato Mendelssohn, fin da quando, profondamente suggestionato dalla lettura della commedia, il compositore a diciassette anni sentì l’impulso di scrivere un’ouverture destinata fin dalla prima esecuzione, nel 1826, a un’immediata e immensa celebrità.

 

Le Rane

La sezione di Teatro Classico apre in prima nazionale il 5 e 6 luglio con I Persiani di Eschilo, protagonista Elisabetta Pozzi, regia di Andrea Chiodi e un cast di dieci attori. Il 10 luglio va in scena Le Rane di Aristofane che con comicità e leggerezza conduce il pubblico in un viaggio agli inferi surreale e sgangherato, alla ricerca della verità sul ruolo politico della cultura. Tra le iniziative di approfondimento Pierre Judet de la Combe, (fra i massimi ellenisti del panorama accademico internazionale) introdurrà il lavoro de I Persiani con un seminario rivolto ad attori e drammaturghi e una Lectio Magistralis aperta al pubblico.

La sezione Poesia in Arena è dedicata ai grandi poeti contemporanei internazionali. Il 12 luglio, con la collaborazione di Nicola Crocetti, saranno presenti alcuni fra i maggiori poeti del mondo: il premio Nobel Wole Soyinka, Durs Grünbein, Adam Zagajewski, Tony Harrison accompagnato dall’ interprete shakespeariana Sian Thomas e Antonella Anedda, una delle voci emergenti della poesia italiana. Ogni serata verranno proposti Reading in lingua originale, in cui gli autori stessi daranno voce ai versi delle loro opere, restituiti in italiano, tra gli altri, da Alvia Reale, Bruna Rossi, Maria Paiato, Elisabetta Pozzi.

 

Les Nuits Barbare

Il 13 luglio  L’Odissea di Omero all’Odissea del poeta greco Nikos Kazantzakis che si compone di 24 Canti, quante sono le lettere dell’alfabeto greco, e quanti sono i canti dei poemi omerici. Kazantzakis aveva una capacità lavorativa prodigiosa, scrivendo al ritmo di circa 200 versi al giorno. Il capolavoro dell’autore di Zorba il Greco e L’ultima tentazione di Cristo non è stato ancora integralmente tradotto in italiano. La versione che verrà proposta per la prima volta al pubblico è solo una parte dei 33333 versi che compongono la totalità dell’opera ed è il risultato del lavoro di traduzione di Nicola Crocetti, tutt’ora in corso.

La danza vede la partecipazione di Hervé Koubi coreografo franco-algerino, nominato nel 2000 Chevalier des Arts et des Lettres con lo spettacolo (17 luglio) Les nuits barbares dedicato alle origini culturali dell’intero bacino mediterraneo presentato in esclusiva per la prima volta in Italia all’Arena Shakespeare. Dal 26 al 28 giugno il seminario per attori e drammaturghi Il Teatro greco e i persiani di Eschilo. Il 29 giugno, ore 18.30 La Lectio MagistralisI Persiani o il pianto della vittoria a cura di Pierre Judet de la Combe.
biglietteria@teatrodue.org – Tel. 0521.230242

www.teatrodue.org

Share
Tags: