Teatro, Va in scena a — 14/05/2013 16:00

Carrozzeria Orfeo è di scena al Teatro OutOff di Milano con “Robe dell’altro mondo”, “Sul Confine”, e “Idoli”

Share

Va in scena a Milano, dal 14 al 26 maggio, al Teatro OutOff, la compagnia Carrozzeria Orfeo che nel 2012 si è aggiudicata il Premio Nazionale della Critica dell’ANCT, con una personale dedicata alla sua trilogia ‘Robe dell’altro mondo’ (14>19 maggio), ‘Sul Confine’ (21>23 maggio) e ‘Idoli’ (24>26 maggio). Alla base della poetica della Compagnia, che alla produzione di spettacoli alterna l’attività di formazione, c’è la costante ricerca di una comunione tra un teatro fisico ed una drammaturgia spesso legata a tematiche della contemporaneità all’interno della quale l’emotività, l’immediatezza e il rapporto con il pubblico rivestono un’importanza fondamentale. L’osservazione della realtà spinge il percorso drammaturgico di Carrozzeria Orfeo ad esplorare diversi territori di scrittura, recitazione, messa in scena, trovando ispirazione nelle storie e nella cronaca del proprio tempo, mantenendo inalterato lo sguardo sul mondo e l’attenzione a differenti tecniche espressive, in una poetica fatta di irriverente ironia, di soluzioni visionarie e di tensione drammatica.

Nato all’interno del Progetto ROAAAR (vincitore del bando Creatività Giovanile della Fondazione Cariplo), cantiere creativo che ha esplorato le possibilità d’incontro tra i linguaggi del fumetto e del teatro, Robe dell’altro mondo (14>19 maggio) è un’amara e paradossale denuncia sociale intorno alla tematica delle paure metropolitane, tutte fobie e tensioni sociali e individuali che caratterizzano e condizionano la nostra quotidianità e la qualità delle relazioni. In un mondo incrinato da una profonda crisi economica, sociale e umana, dove ogni via d’uscita sembra ormai perduta, l’unica speranza di salvezza è rappresentata dagli Alieni, sbarcati sulla terra per aiutarci a risolvere i nostri problemi più gravi. Inizialmente percepiti come un miracolo, vengono poi demonizzati, strumentalizzati ed eliminati da chi detiene un potere costituito privo di alcun interesse al cambiamento.

Dal 21 al 23 maggio replica invece Sul Confine, vincitore nel 2009 del Premio Tuttoteatro.com “Dante Cappelletti”. Tre uomini raccontano la storia di una guerra: quella che si gioca sempre al limite, la guerra non importa “di chi contro chi”. Sono soldati e il loro destino è profondamente legato all’immagine di un fiume che scorre in mezzo al deserto e trascina con sé i segreti dell’esercito. Sono sul confine: luogo di scelta e di passaggio che separa vita e morte, verità e menzogna, ricordi da espiare, sofferenza e lampi di confidenza umana. Che cos’è un uomo se non un lampo di luce in una notte scura? “Sul Confine” viene ad essere un non-luogo, lo spazio della scelta, indecifrabile, ageografico, atemporale, ma probabilmente collocabile nelle terre balcaniche, esplicito richiamo allo scandalo, legato al mondo militare, dell’uranio impoverito e nell’ipocrisia dei governi collusi e delle loro missioni di pace, tripudio dell’assurdo, “peace keeping”.

Ispirato al saggio I vizi capitali e i nuovi vizi di Umberto Galimberti, è Idoli (24>26 maggio), testo finalista al Premio Hystrio per la Drammaturgia 2011 e vincitore come miglior spettacolo della Rassegna Autogestito al Teatro Quirino di Roma. Questa tematica viene riletta alla luce della contemporaneità per evidenziarne gli aspetti più patologici ed emotivi del nostro tempo. Una sorta di “commedia nera” che vede come protagonisti una coppia, una famiglia, un nipote e un nonno in un desolante quadro di vita contemporanea, crudele e grottesco, divertente e osceno, in cui si incastonano le conflittualità con il mondo esterno e con se stessi, noia di vivere, assenza di interessi, vuoto interiore, rabbia, relazioni malate.

La Compagnia è attualmente impegnata nella produzione ‘Thanks For Vaselina’, “dedicata a tutti i familiari delle vittime e a tutte le vittime dei familiari”, in cui ancora una volta si interesserà alle dinamiche, ai paradossi e alle ipocrisie del nostro tempo con uno sguardo presente, ma non moralistico, sulla società. Lo spettacolo, coprodotto da Carrozzeria Orfeo, Pontedera Teatro, Festival Internazionale Castel Dei Mondi e La Corte Ospitale, debutterà il 29 e 30 agosto a Castel Dei Mondi di Andria.

21, 22 e 23 Maggio 2013 

Sul Confine

drammaturgia Gabriele Di Luca

regia e interpreti Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

collaborazione alla regia Roberto Capaldo

musiche originali Massimiliano Setti

luci Diego Sacchi

Vincitore Premio Tuttoteatro.com “Dante Cappelletti” 2009

 

24, 25 e 26 Maggio 2013 

Idoli

drammaturgia Gabriele Di Luca

regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

con Gabriele Di Luca, Giulia Maulucci, Massimiliano Setti, Beatrice Schiros, Alessandro Tedeschi

foto e scene Claire Pasquier

musiche originali Massimiliano Setti

luci Diego Sacchi

disegni e grafica Giacomo Trivellini

 

 

orari spettacoli

da martedì a sabato ore 20.45, domenica ore 16

www.teatrooutoff.it

 

Share