altrifestival — 03/08/2020 at 17:40

Il Festival Percorsi Teatrali in scena a Santu Lussurgiu in Sardegna

di
Share

RUMOR(S)CENA – Teatro, musica e favole nel “paese nel vulcano”per la dodicesima edizione del Festival Percorsi Teatrali / …le tracce dell’unicorno, organizzato dal Teatro del Segno a Santu Lussurgiu (Oristano) con il patrocinio e il sostegno del Comune di Santu Lussurgiu e inserito nella “rete” di Intersezioni 2020 a cura di Fed.It.Art. Sardegna. Un’edizione “speciale” tra gli spettacoli serali (alle 22) nel Cortile dell’ex Asilo e le letture dedicate ai bambini – ogni mattina fino al 7 agosto alle 11.30 nel Parco della Biblioteca per “Una Favola al giorno”: «non ci sarà il Teatro da Balcone, che nella sua forma itinerante avrebbe inevitabilmente causato “assembramenti” per le vie e le piazze del centro storico» – spiega il direttore artistico Stefano Ledda. La kermesse sarà realizzata nel rispetto delle norme e delle distanze di sicurezza, con accessi contingentati e su prenotazione, misurazione della temperatura e igienizzazione, ma il ruolo dell’arte e della cultura resta fondamentale: «In un tempo come questo che ci ha chiesto di creare distanze, di allontanarci l’uno dall’altro – conclude Stefano Ledda – è, secondo me, nelle possibilità e sicuramente tra i doveri del teatro, e dello spettacolo dal vivo in generale, quello di lanciare ponti tra le persone e riavvicinare le comunità: dobbiamo ricominciare a “emozionarci insieme”». S’intitola Sorichitta la moderna fiaba “ecologica” messa in scena dal Bocheteatro (il 3 agosto), con Monica Corimbi e Monica Farina dirette da Giovanni Carroni per riscoprire i cibi della tradizione sarda. Una donna allo specchio in Spogliarello di Dino Buzzati, nel nuovo allestimento firmato da Marco Nateri, con Marta Proietti Orzella e Alessandra Leo (il 4 agosto) e un omaggio a Mercedes Sosa con Como un páyaro libre, il concerto-spettacolo di OfficinAcustica (5 agosto) con Anna Lisa Mameli (voce) e Corrado Aragoni al pianoforte; per finire (il 7 agosto) Yes Land di Onarts tra numeri acrobatici e clownerie all’insegna del nouveau cirque – sul dilemma tra ordine e caos.

Share

Comments are closed.