Teatro Portland: la bella stagione all’insegna della contemporaneità

Share

TRENTO – Il Teatro Portland ricomincia da tredici, quanti sono gli spettacoli della Stagione 2017-2018. Il piccolo teatro di Via Papiria, con i suoi 70 posti, propone anche quest’anno un programma composto da spettacoli, cultura, analisi del presente e un pizzico di sana provocazione, confermando il suo ruolo di importante centro di produzione e rinnovamento teatrale sul territorio sia trentino che nazionale.

Si inizia il 3 novembre con Ultimo Atto, spettacolo di Scenica Frammenti, una storia toccante e profonda su cosa vuol dire arrivare al termine di una vita passata sul palcoscenico. Il 17 novembre CHRONOS3 con Nuovo Eden. In questo spettacolo di Jessica Leonello l’anziano Cesare si risveglia dopo 15 anni di coma. Suo figlio non c’è più e l’uomo intraprende un viaggio di ricerca attraverso le profonde trasformazioni della sua città, Milano. L’1 dicembre Teatro Periferico che porta Con Me in Paradiso, dove un gruppo di rifugiati africani mette in scena uno spettacolo che ha per protagonisti Gesù e due moderni “ladroni”. Chiude il 2017 la compagnia Eccentrici Dadarò che il 17 dicembre interpreta Montagne Russe, capolavoro del francese Eric Assous.

Arditodesio_Dinosauri_foto MoniQue

Si riapre il 12 gennaio 2018 con Sempre domenica, vincitore del premio In-Box 2017 (di cui il Teatro Portland è promotore). Lo spettacolo dei Collettivo Controcanto, è un lavoro sul lavoro. Sul palco sei sedie, sei attori e un intrico di vite che mettono al microscopio la trama sottile dei moti e dei vuoti dell’animo umano. Il 26 e 27 gennaio con la friulana Aida Talliente che presenta il suo Sospiro D’anima, una narrazione attorno alla figura di Rosa Cantoni, partigiana deportata a Ravensbuk. Il 2 febbraio torna sul palco del Portland Mirko D’urso con uno spettacolo di Anthony Neilson, acclamato drammaturgo scozzese. Amore Ricucito tocca il tema dell’alienazione e la maledetta paura di vivere e di accettare il destino senza domandarsi se ce ne poteva essere uno migliore.

ariaTeatro BananaSplit foto Alberto Basaluzzo

Il 15 e 16 febbraio la programmazione del Portland si trasferisce presso il teatro di Villazzano, in quella che viene definita l’Anticipazione della Meraviglia, ovvero due spettacoli che aprono le porte al festival Teatro della Meraviglia 2018 che si terrà nei due fine settimana successivi. Si tratta di Pale Blue Dot della compagnia Arditodesìo e AHAB_è breve il tempo che ci resta di Pleiadi Art Productions. Due produzioni che trattano in maniera puntuale il tema degli abusi ambientali, inquinamento, scarsa tutela delle risorse naturali e della crisi climatica.

Al Teatro Portland il 9 e 10 marzo Mio Fratello Rincorre i Dinosauri, tratto dall’omonimo best seller Einaudi, che racconta in maniera scanzonata, libera, a volte anche drammatica ma sempre onesta la relazione fra Giacomo Mazzariol (autore del libro) e suo fratello Giovanni che ha un cromosoma in più. In scena Christian Di Domenico prodotto della compagnia Arditodesìo. Il 23 marzo si torna a parlare di criminalità ma anche di coraggio attraverso le parole di Malanova, spettacolo interpretato da Ture Magro che parla di donne e di violenza e mette al centro dell’attenzione il corpo e il cuore di un uomo che per molti versi è un eroe, capovolgendo il nostro punto di vista. Il 6 aprile è il turno de Il migliore dei mondi possibili, una coproduzione Mumuris e AttoDue. Quattro attrici interpretano in maniera del tutto originale le avventure del Candido di Voltaire, giovane ottimista a spasso nel peggiore dei mondi possibili, il nostro, per fare una analisi spietata sul contemporaneo. Chiude la stagione Banana Split, spettacolo vincitore della passata “Residenza Bellandi” presso il Teatro di Pergine. Una coproduzione ariaTeatro, Teatro della Tosse e Nidodiragno che sarà in scena il 21 e 22 aprile.

Collettivo Controcanto

Da quest’anno si apre una nuova iniziativa dedicata al pubblico: lo Spettatore Accorto, appuntamenti di approfondimento tematico e formazione del pubblico, dalle 18.00 alle 19.00 di ogni venerdì di programmazione, condotti dallo studioso Enrico Piergiacomi, il direttore artistico della stagione Andrea Brunello e gli artisti e insegnanti della Scuola di Teatro del Portland: Maura Pettorruso, Carolina De La Calle Casanova, Paolo Vicentini e Giacomo Anderle.

Murmuris foto Matteo Tortora

Teatro Portland

Via Papiria, 8 – 38122 Trento

Orario segreteria: dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00

Tel. 0461 924470 – Cell. 339 1313989 (per la reperibilità durante le giornate di spettacolo programmate di sabato e domenica)

Email: info@teatroportland.it

www.teatroportland.it

Ti potrebbe interessare anche...

Share
Tags: