Chi fa teatro, Teatro, Va in scena a — 30/09/2017 20:23

  “Calcio d’inizio” al Teatro della Tosse: stagione 2017 e inizio 2018

Share

“Il gioco del football è un sistema di segni; è cioè una lingua, sia pure non verbale.”

Pier Paolo Pasolini

GENOVA – “Abbiamo scelto di dare il titolo Calcio di inizio, perché rappresenta nello stesso momento la chiusura di un ciclo, l’occasione per riflettere sul lavoro sino ad ora svolto, e la transizione a quello che sarà il progetto del triennio 2018-2020”: sono le parole del direttore Amedeo Romeo alla presentazione del calendario degli spettacoli che chiuderà il primo triennio di programmazione in veste di Teatro di Rilevante Interesse Culturale (TRIC).

Un lavoro che parte dalla ricerca del dialogo – con gli artisti ed il pubblico – e si concentra sull’indagine del contemporaneo, nella convinzione che il teatro debba essere sempre di più il luogo dove la società si confronta con il proprio presente. Lo spazio della narrazione condivisa tra tutti sapendo che ognuno di noi fa ed è teatro. Dal punto di vista dei linguaggi, prosa, musica, danza, video-arte, convivono sulla scena all’insegna della multidisciplinarietà, mentre nelle scelte di contenuto si ritorna ai grandi temi fondanti: memoria, identità e follia, dialogo inter-religioso, adolescenza e famiglia, paura e conflitto.

Tre mesi di semina in vista dei prossimi tre anni in cui le scelte produttive e di ospitalità non si limiteranno a un elenco di titoli. Il Teatro della Tosse non resta ancorato a schemi che per ragioni pratiche costringono a lavorare in tempi obbligati, su binari precostituiti, secondo forme comode e retoriche ma l’intento è quello di riportare al centro il lavoro del teatro, inteso come lingua viva. Percorso laboratoriale, luogo di incontro e di confronto, sui temi, sulle forme, sul presente.

Disgraced-Hossein Taheri, Lisa Galantini, Saba Anglana, Francesco Villano foto di Donato Aquaro

Apertura il 3 ottobre va in scena Tournée da Bar spettacolo – progetto vincitore di bandi legati allo sviluppo dell’audience development, tra cui OPEN della Compagnia di San Paolo. Il 5 e 6 ottobre Pier Paolo ! regia di Giorgio Barberio Corsetti che si svolgerà al campo da calcetto Edoardo Galleano, omaggio all’arte di Pier Paolo Pasolini e alla sua passione per lo sport. Il 7 ottobre Balbontin, Bianchi, Casalino e Ceccon: i Pirati dei Caruggi con il loro divertente spettacolo #desbelinity Dal 9 al 12 ottobre  quattro repliche mattutine di Donne in guerra, di Laura Sicignano prodotto dal Teatro Cargo che racconta la storia di sei donne durante la seconda Guerra Mondiale.

 

amletto

Dal 10 al 20 ottobre Disgraced di Ayad Akhtar (vincitore del Pulitzer per il teatro nel 2013), regia di Jacopo Gassman, coproduzione Teatro della Tosse e Teatro di Roma – Teatro Nazionale. Lo spettacolo è una moderna tragedia greca, ambientata in una Manhattan ricca, colta e liberale. Tematiche di attualità quali le potenziali tensioni fra le fedi religiose, la difficile e necessaria convivenza fra le diverse identità culturali. Il 26 ottobre la cantante Angela Baraldi in coppia con Massimo Zamboni, fondatore dei CCCP, presenta Nessuna voce dentro, Berlino 1981. Un viaggio d’iniziazione nella tumultuosa Berlino del Muro e delle case occupate, dalla strada al palco e viceversa, attraverso il racconto di un percorso esistenziale, quasi che ogni canzone possa dissolversi in un brano teatrale.

 

Andy Warhol superstar regia di Laura Sicignano

Giovanna detta anche Primavera in scena dal 25 al 27 ottobre è una storia trasmessa oralmente in famiglia e ispirata alle radici sarde dell’autore e protagonista, Valentino Mannias, (premio Hystrio 2015). Al centro dello spettacolo vi è la storia che la nonna del protagonista raccontò perché sposasse la persona giusta. Due le coproduzioni dedicate al mondo dell’arte: Moi (28 e 29 ottobre) di Chiara Pasetti, regia di Alberto Giusta, prodotto insieme all’Associazione Culturale “Le Rêve et la vie” liberamente tratto dalla Corrispondenza di Camille Claudel, con Lisa Galantini: la storia di Camille Claudel, morta dopo trent’anni di internamento in ospedale psichiatrico. Andy Warhol Superstar, ideazione e regia di Laura Sicignano coproduzione Teatro Cargo. Uno spettacolo che a trent’anni dalla scomparsa dell’artista, indaga la biografia intima di Andy a confronto con quella pubblica. Protagonista è Irene Serini che incarna il padre della pop art.

Il 5 novembre Chiara Guidi cofondatrice della Compagnia Socìetas Raffaello Sanzio insieme a Romeo Castellucci, con Lettere dalla notte, liberamente ispirato ai testi di Nelly Sachs, una delle voci poetiche più appartate e potenti del Novecento, premio Nobel nel 1966. Il progetto prevede la presenza sul palco di un coro di cittadini partecipanti ad laboratorio sulla voce Dal 14 al 19 novembre la nuova produzione della Tosse in prima nazionale, Amletto testo e regia di Emanuele Conte. Un anziano attore, interpretato da Enrico Campanati, cerca di ricostruire nella propria memoria i personaggi dell’Amleto di Shakespeare che cerca di ricucire insieme i brandelli della sua memoria, mescolando le parole della commedia con i suoi personali ricordi di palcoscenico; interpretando tutti i personaggi e perdendosi nei ricordi della propria vita, dei propri errori e dei propri rimpianti. Città Inferno co-prodotto dalla Tosse insieme a Cardellino srl e nO (Dance first. Think Later) con la regia e la partitura fisica di Elena Gigliotti, liberamente ispirato a “Nella Città, l’inferno” il film di Renato Castellani con Anna Magnani e Giulietta Masina. In scena dal 22 al 25 novembre.

 

Città Inferno

A dicembre, dopo la terza edizione del Festival internazionale di Danza Resistere e Creare (programma da definire) diretto da Michela Lucenti, il 19 e 20 dicembre, L’annuncio a Maria di Paul Claudel, regia di Paolo Bignamini Un testo di intensa concentrazione poetica, ambientato in un Medioevo storicamente preciso e nel contempo indefinito. In collaborazione con il Museo Diocesano di Genova. Dal 14 al 17 dicembre va in scena Io non ho mani che mi accarezzino il viso con Aida Talliente e Andrea Trapani. Banana Split in scena dal 21 al 23, liberamente ispirato al racconto di Tobias Wolff  Due ragazzi e una ragazza, e parla di un’età magnifica, fragile ed esplosiva in cui tutto è possibile: la giovinezza. Il testo è di Davide Lorino ed Elisabetta Mazzullo, che cura anche la regia.

Il 31 dicembre l’anteprima de Il Maestro e Margherita, che debutterà a febbraio 2018 in prima nazionale. Emanuele Conte vuole confrontarsi con uno dei testi più importanti della storia della letteratura. A cinquant’anni dalla sua pubblicazione, il capolavoro di Bulgakov diventerà un evento teatrale capace di fare interagire danza, teatro, musica e arte visiva. Dopo il successo di Orfeo rave Emanuele Conte e Michela Lucenti si confrontano con un capolavoro della letteratura russa e mondiale. Salutando l’anno nuovo il pubblico verrà portato nel magico mondo del Maestro e Margherita.

Tra le anticipazioni della stagione 2018, due titoli : Battlefield adattamento e regia di Peter Brook e Marie Hélène Estienne in scena dal 2 al 4 marzo e la Familie Flöz con il loro nuovo spettacolo Dr.Nest dal 12 al 14 aprile. A distanza di trent’anni dal suo Mahabharata, Peter Brook ripropone il celebre poema epico indiano, uno dei testi fondamentali della religione induista. Nel 1985 la sua messinscena sconvolse il Festival di Avignone. Oggi con Battlefield prova a far rivivere una storia di violenza e rimorso che interroga il nostro tempo e riflette i conflitti chestraziano il nostro mondo. La Familie Flöz, presenta Dr. Nest: con le sue personalissime maschere analizza l’enigmatica cartografia del cervello e le torbide profondità dell’animo umani. Prendendo ispirazione dalle storie paradossali del neurologo e scrittore britannico Oliver Sacks, la compagnia apre le porte di una casa di cura rivelando ai visitatori i mondi bizzarri dei suoi abitanti – e del personale.

 

Banana split foto Alberto basaluzzo

“Abilità al plurale” è un progetto in collaborazione con Isforcoop rivolto a persone con disabilità medio-lieve fisiche, psichiche, relazionali, sensoriali. Finalizzato alla realizzazione di interventi integrati per favorire l’inserimento socio lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione sociale Il numero dei partecipanti è di 40 (dieci per ogni laboratorio: musicale, teatrale, sportivo, cinematografico) e i posti saranno assegnati in base all’ordine di arrivo delle schede.

Ask è un progetto selezionato tra i vincitori di “Open 2017 – Nuovi pubblici per la cultura”, per stimolare la sperimentazione e la ricerca sull’Audience Development con ASK-Audience Specific Keys e si rivolge a un pubblico che non frequenta abitualmente il mondo del teatro e cerca di capire l’efficacia o i limiti della comunicazione culturale.

Il 21 ottobre TEDx dal tema “What matters?”, organizzazione no profit che ha come obiettivo diffondere idee di valore. Iniziata come una conferenza di 4 giorni in California (USA) 25 anni fa, TED è cresciuta per sostenere le idee che cambiano il mondo con diverse iniziative. La conferenza annuale invita i migliori pensatori e creatori del mondo a parlare per 18 minuti. Il loro discorso sarà disponibile sul sito TED.com.

Moi

 

Hamlet in Rebibbia – live streaming dall’Auditorium di Rebibbia ai teatri italiani e sul web in diretta full HD nell’ambito della Festa del Cinema di Roma. Una sintesi innovativa fra le istanze di recupero sociale dei detenuti attraverso l’esperienza artistica, il massimo coinvolgimento del pubblico e della società civile e la disponibilità delle più avanzate tecnologie di comunicazione. 25 detenuti-attori del Teatro del carcere, nella rivisitazione della più celebre opera di Shakespeare. Al Progetto hanno aderito Roma – Auditorium Parco della Musica; Cagliari – Teatro Massimo; Nuoro – Teatro Eliseo; Monza – Teatro Binario 7; Napoli – Teatro Bellini che ospiteranno la diretta streaming full-HD del nuovo spettacolo della Compagnia di Rebibbia Hamlet, regia teatrale di Fabio Cavalli e video live di Gianluca Rame.

Il Teatro della Tosse è entrato a far parte della rete Premio Lettera 22, concorso rivolto agli under 36, giornalisti e studenti universitari, che vogliano accettare una sfida: creare nuovi modelli di critica giornalistica aggiornati alle forme della comunicazione contemporanea. Sostenuto dall’Università degli Studi di Padova – Dipartimento Studi Linguistici e Letterari, patrocinato dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti, DAMS di Padova, Università degli Studi di Milano-Dipartimento Beni Culturali e Ambientali e AGIS, il bando è in uscita nel mese di ottobre 2017. La fase finale si svolgerà da giugno a ottobre 2018 nell’ambito di otto festival internazionali di teatro e danza (Primavera dei Teatri, Colline Torinesi, Scene di paglia, INTEATRO Festival, OPERAESTATE Festival Veneto, Short Theatre, MILANoLTRE, VIE Festival).

 

Un’anticipazione anche sulla quinta rassegna LaClaque che ospiterà il CyBorg Film Festival, che da dieci anni presenta un concorso di cortometraggi dedicati alla fantascienza e all’animazione oltre che all’innovazione tecnologica. Parte in Umbria e prosegue in Toscana e proiezioni a La Claque del Teatro della Tosse. Il Festival in Liguria ha il patrocinio dell’Istituto Italiano di Tecnologia.  I cortometraggi sul grande schermo provengono da tutto il mondo e dall’ Italia e sono trasmessi in lingua originale. Dal 13 al 15 ottobre.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...

Share
Tags: