Danza — 20/07/2019 13:45

Metamorphosis di Virgilio Sieni in prima assoluta al Festival Bolzano Danza

Share

RUMOR(S)CENA – FESTIVAL BOLZANO DANZA – Il 22 luglio alle 21 va in scena in prima nazionale al Teatro Comunale di Bolzano Metamorphosis con la compagnia diretta da Virgilio Sieni in coproduzione del Festival Bolzano Danza. I cinque danzatori in scena sono accompagnati dall’Orchestra Haydn diretta da Chloé van Soeterstède impegnata in una selezione di pagine musicali di Arvo Pärt. A seguire, talk con Virgilio Sieni nel foyer del Teatro Comunale. Sempre lunedì 22 luglio al Teatro Studio alle 20, va in scena l’assolo Natural Gravitation di Luna Cenere, un tributo alla pioniera della modern dance Isadora Duncan.

Virgilio Sieni cita Ovidio e le sue Metamorfosi nel ricordare il punto di partenza ovvero il “narrare forme mutate in corpi nuovi”, ma afferma anche che lo spettacolo non è la trascrizione delle Metamorfosi del sommo poeta latino né dell’omonimo romanzo di Kafka. Il testo latino è piuttosto una luce che illumina la via. Il coreografo è infatti rimasto colpito dalle parole di Italo Calvino che introducono l’edizione Einaudi: “fauna, flora, regno minerale, firmamento inglobano nella loro comune sostanza ciò che usiamo considerare umano come insieme di qualità corporee, psicologiche e morali”. Da qui Sieni riprende e sviluppa una tema a lui caro: la capacità infinita del gesto di riverberarsi nella danza. La coreografia si adagia su celebri pagine musicali di Arvo Pärt eseguite dall’orchestra Haydn in buca (la musica Bolzano verrà registrata per le future rappresentazioni dello spettacolo) per costruire una meditazione sull’infinito del gesto, sulla pulsazione continua di avvenimenti, incontri fiabeschi originati ogni volta dall’addentrarsi in uno spazio boschivo. Danzatori, corpi, viandanti di leggende custodite che si dispiegano tra gravità e leggerezza, uomini che attraverso la dote peculiare della trasformazione e l’esercizio della metamorfosi provano a diventare Uomini a pieno titolo.

 

Metamorphosis foto Virgilio_Sieni

L’assolo di Luna Cenere, autrice rivelazione della scena nazionale, Natural Gravitation. Tributo alla figura storica e rivoluzionaria di Isadora Duncan e al suo celebre manifesto The dancer of the future pubblicato nel 1928, Natural Gravitation reinterpreta il messaggio di “una danza del futuro di anima e corpo armoniosamente congiunti in un atto danzato dalla forma libera e naturalmente ciclica”. Qui l’armonia tra umano e natura, insieme all’intelligenza, alla spiritualità, alla forza femminile si mettono in sintonia con l’universo. Un corpo nudo e un pianeta in scena, con un rimando chiaro al mito greco di Atlante.

 

 

Share
Tags: