Festival(s) — 13/10/2012 17:51

Il Festival Era della Fondazione Pontedera è di scena. Artisti internazionali, teatro, danza, musica e cultura

Share

 

 

La Fondazione Pontedera Teatro inaugura il 12 ottobre 2012 un’edizione innovativa del Festival Era, in programma fino al 28 ottobre. L’edizione 2012 si amplia con due importanti realtà di Pontedera, Spazio Nu e il Festival Era dei Libri (Tagete edizioni e Libri al sole) con l’intento di ottimizzare le risorse per una riflessione artistico-culturale comune. Tra gli artisti internazionali figura Lisbeth Gruwez, conosciuta per aver collaborato con Jan Fabre, il 16 ottobre con It’s going to get worse and worse, my friend, un lavoro dalla prorompente espressività in cui la danzatrice belga, sola in scena, danza accompagnata dalla musica e dal suono delle parole pronunciate da Jimmy Swaggart, uno dei più celebri tele-predicatori americani. L’attore brasiliano Cacà Carvalho il 19 ottobre presenta in prima nazionale Umnenhumcemmil ispirato da Uno, Nessuno e Centomila di Pirandello, per la regia di Roberto Bacci, che interpreta un “peculiare” Vitangelo Mostarda, ormai evaso dai luoghi comuni, ritiratosi come inserviente in un ospizio. Due grandi artisti della danza giapponese Masato Matsuura, grande esperto di Teatro Nō e di Aiki, il 19 ottobre e Ko Murobushi artista di Butoh , considerato l’erede di Hijikata che presenta il 26 ottobre Quick Silver.

 

Umnenhumcemmil

Il 16 ottobre, la Compagnia Scimone Sframeli con Giù, di Spiro Scimone, con Francesco Sframeli, Spiro Scimone, Salvatore Arena Gianluca Cesale, regia Francesco Sframeli, un invito indignato a rompere il silenzio per dare voce agli altri, un lavoro dalle tante corde dove il dramma è in continuo equilibrio con la comicità.

Giù

Mercoledì 17 ottobre Amore Elettrico elaborazioni su alcuni temi di Romeo e Giulietta, regia di Stefano Vercelli, con Giulio Canestrelli, Mariana Ferriera e Marco Mannucci, che si focalizza sul tema dell’impedimento come metafora dell’impossibilità delle persone di realizzare i propri sogni.

Il 19 ottobre Cristina Rizzo, figura di punta della danza contemporanea nello studio de La sagra della primavera paura e delirio a Las Vegas. musica di Igor Fedorovic Stravinskij. Una danza rock, travolgente, sentimentale che non necessita di alcun riferimento antropocentrico. Sempre il 19 la compagnia Scenica Frammenti mette in scena Quartetto Barone riallestimento del precedente spettacolo Memoria, regia di Loris Seghizzi. Con Vincenza Barone, Iris Barone, Gabriella Seghizzi, Walter Barone, Spencer Barone. La storia, umana e lavorativa della compagnia teatrale, recuperando i tratti farseschi.

Massimiliano Civica, il 20 e 21 ottobre, presenta il suo ultimo lavoro Soprattutto l’anguria con Diego Sepe, Luca Zacchini, testo finalista del Premio Riccione di Armando Pirozzi, dai tratti surreali e cinicamente grotteschi dove discorso e la sua assenza tornano a trovare peso e spazio.

 Soprattutto l’anguria

 

Il 21 ottobre la compagnia I Sacchi di Sabbia, regia di Giovanni Guerrieri, e l’interpretazione di Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano, Giulia Solano presentano una terza tappa di 40 minuti de Gli Ultracorpi a science fiction, liberamente ispirato a L’invasione degli Ultracorpi di Jack Finney, dove riprendono il topos fantascientifico per riconciliarlo con la tradizione teatrale e con la commedia carnevalesca in senso arcaico.

Gli Ultracorpi a science fiction

Sabato 20 ottobre la Compagnia LeVieDelFool in Requiem for Pinocchio regia e interpretazione e testo di Simone Perinelli. Dal 24 al 26 ottobre al Teatro Francesco di Bartolo di Buti, Dario Marconcini, Giovanna Daddi, Gaetano Ventriglia e Silvia Garbuggino in Il Cammino, La Marche di Bernard Marie Koltés, spettacolo dall’intenso lirismo, giocato sulla contrapposizione tra il movimento e la magnifica immobilità dei personaggi.

  Requiem for Pinocchio

Il 25 ottobre i danzatori e musicisti dello Spazio Nu con Lo Spirito della danza, studio per un concerto di Flamenco, danza Africana, Butoh e altre contaminazioni; un incontro tra il contemporaneo e la tradizione, dove il ritmo fluisce nel silenzio.

A Romito e a Montecastello, il 14 e il 15 ottobre la Compagnia Laboratorio di Pontedera, regia di Roberto Bacci in Gengè da Uno, Nessuno e Centomila di Luigi Pirandello, con Savino Paparella, Francesco Puleo e Tazio Torrini, danno vita all’inquietudine del “romanzo della scomposizione della personalità”.  Il 12 ottobre a Pontedera in piazza Curtatone e Montanara e il 13 ottobre al Parco Fluviale de La Rotta sfila Valse del Teatro Tascabile di Bergamo, regia Renzo Vescovi. Lisboa dal 19 al 21 ottobre al Romito, al Gello e Santa Lucia, un’opera di strada poetica dedicata a Fernando Pessoa, con la regia di Anna Stigsgaard e 11 attori musicisti, che sfilano in bicicletta.

Il 12 e il 13 ottobre #comunicateatro con Simone Pacini, due giorni intensi per discutere ed esercitarsi sull’arte della comunicazione, affrontando trasversalmente i canali classici e i nuovi media, il 20 e il 21 ottobre il workshop intensivo sul Teatro Nō d e sulle arti marziali giapponesi Aiki con Masato Matsuura sulla pratica di esercizi fisici legati alle tecniche del Teatro Nō, e l’iniziazione alla tecniche dell’Aikii, il 27 e il 28 ottobre Ko Murosbushi con il workshop intensivo di butoh.

Luigi Lombardi Vallauri, Livio Sossi, Umberto Veronesi e Maria Giovanna Luini, di sabato 26 conversazione dedicata all’economia e giornalismo. Moderatore Daniele Biacchesi.

Il 3 e il 4 novembre La Trilogia della villeggiatura di Goldoni, dal titolo Sotto un altro cielo…, un laboratorio internazionale per professionisti di teatro, un progetto italo-russo, diretto da Alessio Bergamo, in dialogo attori della scuola Scuola d’arte drammatica di Mosca e della compagnia Postop di Roma.

L’era dei Libri in collaborazione con la biblioteca di Pontedera, con la rete Bibliolandia, e con il Poliedro.

Fondazione Pontedera Teatro

0587.55720 / 57034 – info@pontederateatro.it – www.pontederateatro.it

 

Share